Durante il processo che ha protato alla legalizzazione dell'ayahausca in Brasile accadde un fatto molto rilevante, anche senza nessun valore giuridico effettivo: l'elaborazione di principi etici comuni da parte di tutti i gruppi religiosi che usavano l'ayahuasca, con l'intento si stabilire procedure di comportamento e principi etici comuni e condivisi.
Qui ne riportiamo il testo integrale, per l'enorme testimonianza storica che rappresenta.

Dichiarazione di Principi dei Gruppi Religiosi che usano il Tè Hoasca

I gruppi religiosi menzionati sotto, indipendentemente dalle loro identità e convinzioni, si impegnano, attraverso questa Dichiarazione di Principi, all’adozione di una serie di comportamenti etici comuni collegati all’uso del tè prodotto dalla decozione delle piante Banisteriopsis caapi (“Mariri” or “Jagube”) e Psychotria virids (“Chacrona” ou “Rainha”) – d’ora in poi denominato Hoasca.

Preparazione dell’Hoasca

Il tè Hoasca è il prodotto esclusivamente dell’unione del Mariri (Jagube) e la Chacruna (Rainha), senza aggiunta di nessun’altra sostanza apparte l’acqua.

Uso dell’Hoasca

L’uso del tè Hoasca è ristretto ai rituali religiosi condotti nelle location autorizzate dai rispettivi direttori dei singoli gruppi; il suo uso in associazione con droghe o qualsiasi altra pianta psicoattiva è strettamente proibito. 

Uso rituale.

Nel rispetto delle liturgie individuali – tenendo conto le peculiarità degli effetti fisici dell’Hoasca – i gruppi si impegnano a assicurare che i partecipanti rimangano ad attendere al rituale fino alla conclusione dello stesso.

Raccomandazioni e avvertimenti:

a) Commercializzazione – I gruppi si impegnano incondizionatamente ad astenersi dal commercializzare l’Hoasca, anche tra i loro stessi membri.

b) Ciarlatanismo – In quanto pratica proibita dalla legge Brasiliana, il ciarlatanismo medico (curanderismo) deve essere evitato dai gruppi religiosi firmatari. Il tè di Hoasca deve essere utilizzato in accordo con i termini delineati in questa Dichiarazione di Principi, e qualsiasi beneficio derivato da esso deve essere considerato esclusivamente dal punto di vista spirituale e senza alcun vanto promozionale che potrebbe fuorviare la pubblica opinione o le autorità. 

c) Persone incapacitate – A qualsiasi persona in stato di ebrezza o sotto l’effetto di qualsiasi altra droga deve essere proibita la partecipazione al rituale religioso come anche l’uso del tè Hoasca.

Comunicazione e informazione:

Una larga parte delle controversie e delle difficoltà correlate all’uso dell’ayahuasca – compreso il rapporto con le autorità governative – sono il risultato di una incomprensione dovuta alle diverse modalità di comunicazione. Questo impone ai gruppi che usano il tè Hoasca la necessità di un particolare zelo quando fanno l’informazione a proposito dell’Hoasca: incluso i rituali, la preparazione e la dottrina. A questo fine è indispensabile che:

1) ogni istituzione, quando parli con i media, sia obbligata a dichiarare chiaramente la sua identità e non parlare a nome degli altri gruppi;

2) ogni istituzione restringa alle persone che occupano posti alti nella loro gerarchia la possibilità di parlare ai media, tenendo in mente i rischi associati con le segnalazioni incoerenti in materia, avanzate da persone con scarsa esperienza;

3) ogni volta che un problema pertinente ai diversi gruppi deve essere segnalato, prima deve essere raggiunto il consenso su cosa deve essere divulgato, al fine di proteggere l’interesse comune e mantenere una chiara comprensione degli scopi di ogni gruppo.

Regolamentazione legislativa

La regolamentazione del tè Hoasca, come stabilito dalla legge, approvata dalla Legislatura Nazionale, è l’obiettivo finale dei gruppi signatari di questa Dichiarazione di Principi. In questo modo gli ostacoli e le controversie intorno all’uso adeguato del tè saranno definitivamente superata attraverso i meccanismi della regolamentazione legale che devono essere chiaramente identificati.

Ognuna delle istituzioni firmatarie si impegna a designare un rappresentante responsabile verso gli altri gruppi per problemi relativi ai contenuti di questa Dichiarazione di Principi. Future trasgressioni di qualsiasi dei termini sopra convenuti deve essere comunicata immediatamente e i trasgressori devono essere considerati pubblicamente e legalmente responsabile delle proprie azioni.

Questa Dichiarazione di Principi è aperta all’inclusione di altri gruppi che usano il tè Hoasca che si impegnino ad osservarne i termini.

 

Rio Branco, 24 Novembre 1991.

 


Documento originale in inglese pubblicato da NEIP.info

Vai all'inizio della pagina